Crea sito

Chi sono....

Fabio Mazzari nato a Bologna il 25 marzo 1945 è oggi celebre al grande pubblico come l’ Alfio Gherardi della serie televisiva “Vivere” , andata in onda su canale 5 dal lunedì al venerdì dal 1999 al 2008. 
Se la popolarità l’ha raggiunta grazie al ruolo nella soap-opera, il successo e la durata del suo personaggio in Vivere, presente fin dalle prime puntate, sono il risultato di una ricca ed impegnativa esperienza professionale di Fabio Mazzari in teatro. 

La voce, la presenza scenica di Fabio danno di Alfio Gherardi uno spessore psicologico raro a trovarsi negli stereotipi che animano il genere televisivo fiction. 
Mazzari ha cominciato giovanissimo, a 22 anni, a calcare i palcoscenici d’Italia. Dopo l’esordio a Torino, è nella compagna del Teatro Stabile dell’Aquila e subito dopo in quella del Teatro Uomo di Milano. Nel corso degli anni ha interpretato diverse opere, da “Le Notti Bianche” ai “I Fratelli Karamazov” di Fedor Dostoevskij, da “La Signorina Giulia” di August Strindberg a “Il Giardino dei Ciliegi” di Anton Pavlovic Cechov.

Nel 1995 Fabio Mazzari insieme a sua moglie Sivia Corti (Granievaghi) da’ vita a Milano allo “Spazio Zazie” di cui è Direttore Artistico. Lo Spazio, sfondo versatile per pièce teatrali di postavanguardia rappresenta un punto di riferimento per la città in quanto rappresentativo di un notevole numero di abbonati e differenti tipologie di pubblico. 
Nel 2000 ha portato in scena, sia come attore che regista, ”Il Gabbiano” e ”Zio Vania” di Checov, nel 2002 “Bartleby” di Herman Melville, nel 2003 “Le Notti Bianche” di Fedor Dostoevskij , nel 2004 “Dieci modi di dire Cechov” e nel 2005“Huis Clos” ( Porte Chiuse) di Jean Paul Sartre. 

Mazzari è anche docente al “Centro Teatro Attivo” di Milano, dove insegna ad amare il teatro ai giovani esordienti o a già famosi personaggi televisivi, facendo così da padrino a nuove generazioni di attori. 
Come doppiatore, ha prestato la voce, per il mercato degli home-video, ai divi più famosi del grande schermo, da Nicholson a Kinsky, da William Dafoe a Dennis Hopper, da Van Damme a Bogart in “Provaci ancora Sam”. 

Inoltre vanta una collaborazione decennale con la “Radio della Svizzera Italiana”. 
Nel 2003 oltre ad aver debuttato come conduttore televisivo su "Telelibera" al fianco di Patrizia Rossetti nel programma dal titolo “Te lo dico in tv”, ha ricevuto per il teatro il “Premio Marsica 2003” e il prestigioso “Premio Walter Chiari” nel 2004 per la sezione fiction. 


Fabio Mazzari infine è sempre impegnato anche socialmente in progetti di beneficenza e volontariato; oltre ad avere aderito alla “Fabbrica del Sorriso”, la maratona benefica organizzata da Mediafriends, una Onlus fondata da Mediaset, Medusa e Mondadori, partecipa abitualmente alla manifestazione “Mercato della solidarietà” promossa dalla Fondazione Exodus di Don Antonio Mazzi.